Storia

La storia e la famiglia

WAY dal 1880

Attraverso 4 generazioni della stessa famiglia di imprenditori la nostra società ha attraversato 3 secoli nel settore dell’architettura temporanea.

Intorno al 1880 Mosè Vaj, fonde la propria attività di tappezziere per arredamenti e teatri con una società specializzata in addobbi e apparati per cerimonie. Nel 1916 WAY risulta tra le prime ditte individuali ad essere inscritta alla Camera di Commercio di Milano. Per distinguere la società dalla famiglia si sceglie la ragione sociale WAY, un tocco di internazionalità in un epoca non ancora globale.

Virginio Vaj subentra al padre intorno al 1925. Sviluppa l’attività avviata e integra la produzione investendo nella falegnameria, nella carpenteria metallica leggera, nell’illuminotecnica e nella decorazione pittorica. È presidente dell’associazione tappezzieri italiana e partecipa nel dopoguerra alla ristrutturazione del Teatro alla Scala e al rilancio della Triennale di Milano nel Palazzo dell’Arte. Inizia l’attività di allestimento stand alla Fiera di Milano che nelle prime edizioni si svolgeva all’aperto in Porta Venezia.

Nel 1948 costruisce una nuova sede di 5.000 mq in via M. Bruto a Milano. Continua l’attività per tutti gli anni 50 e 60 soprattutto in allestimenti all’interno della storica sede di Fiera Milano in piazza Giulio Cesare. Way è stata fornitore ufficiale di Ente Fiera Milano dagli inizi del 1960 alla fine dei ‘90. L’attività prosegue oltre che nella Fiera Campionaria anche nelle prime fiere di settore, nelle inaugurazioni, nelle cerimonie nelle mostre d’arte. All’attività di allestimento e arredamento su progetto si affianca quella di noleggio di arredi.

Nel 1958 entra in azienda Pierpaolo Vaj che affiancherà il padre fino alla sua scomparsa nel 1974. Con Pierpaolo la società subirà una forte crescita dimensionale che renderà necessario ampliare gli investimenti in nuovi depositi alle porte di Milano. Oltre che in Italia l’attività si sviluppa nei principali mercati fieristici europei in particolare in Germania. A partire dagli anni ’70 inizia la collaborazione con Mero Gmbh, una società tedesca, leader nella meccanica di precisione, che per prima sviluppa sistemi modulari metallici nella tecnologia espositiva. L’attenzione all’estero non è solo sul fronte delle partnership ma anche nei mercati di sbocco: in Algeria ed a Malta vengono allestiti 5 teatri mentre nel 1985 viene realizzato il primo allestimento oltre oceano. Committente MOE, l’ufficio esteri di Ente Fiera Milano, WAY allestisce il Padiglione Italiano all’Expo Universale di Tsukuba in Giappone.

Pierpaolo si dedica molto anche all’attività associativa attraverso ASAL unica associazione di settore. Nel periodo tra il 1985 e il 2009 è presidente per 21 anni, porta il numero di inscritti da poche unità a circa 300 membri e nel 1998 è il fautore dell’ingresso di ASAL in FederlegnoArredo.

L’attività di impresa continua approfondendo in modo sempre più professionale e specialistico il settore degli allestimenti fieristici, ma con ampi interventi negli eventi di tipo congressuale, culturale e commerciale . L’attività di arredamento su progetto e di arredi a noleggio permangono come attività complementari, insieme con la tappezzeria teatrale.

Nel 1980 Way ditta individuale, diventa WAY spa, Presidente Pierpaolo, con una configurazione societaria sempre legata alla famiglia Vaj e con una struttura che non verrà mai modificata.

Nel 1994 entrano in società Massimiliano che affianca Pierpaolo con la carica di amministratore delegato e Giorgia che oltre alla carica di consigliere del C.d.A. diventa responsabile dell’ufficio produzione e sviluppo tecnico.

Nel 2002 inizia la ricerca di spazi per una nuova grande sede e nel 2005 viene inaugurata la sede di Rho. Estesa su 25.000 mq, con 15.000 mq di uffici, produzione e depositi, il nuovo sito dista 2 minuti dalla nuova Fiera di Milano-Rho e 3 km dal sito della futura EXPO Universale del 2015.

Ulteriori impulsi alla crescita arrivano però dall’estero. Nel maggio 2005, con soli 4 mesi di sviluppo, viene realizzato, con un nuovo progetto di allestimento espositivo unificato, un evento a New York di 5.000 mq. Nell’ottobre dello stesso anno la fiera che prende il nome di I Saloni World Wide si trasferisce a Mosca con 10.000 mq. Lo stesso progetto cresce fino a 20.000 mq espositivi netti nel 2008 e 2012 .

Il processo di internazionalizzazione continua. Nel 2012 Attraverso una rete di partnership , WAY è in grado di realizzare attività di allestimento in USA, Federazione Russa, Emirati Arabi , Cina , India , Corea del Sud.